Prenotazioni dirette post Covid, un trend sempre più forte

Dopo più di un anno di chiusure e perdite per gli operatori del settore turistico, le riaperture sono sempre più vicine. Le preferenze dei viaggiatori e dei turisti sono chiare e ben delineate: necessità di avere sicurezza e salute garantite, distanziamento, attività all’aria aperta, gite in giornata e in zone poco affollate, staycation e vacanze di prossimità per la maggioranza. Tra tutte le tendenze ve ne sono due “trasversali” che spiccano in particolare: le prenotazioni di qualsiasi tipo verranno fatte in base alla possibilità di poter cancellare e quindi è preferibile che vi sia la possibilità di effettuarle direttamente sul sito web dell’operatore.

Vediamo insieme in questo articolo perché le prenotazioni dirette sono la leva che farà la differenza nel turismo post Covid.

Quali sono i desiderata dei viaggiatori pronti a mettersi in viaggio?

Molti viaggiatori, intervistati per la creazione del Rethink Travel Global Survey di Amadeus, hanno dichiarato che al momento delle riaperture sarà più importante muoversi in totale serenità e flessibilità che viaggiare in assoluto: ovvero si preferisce rinunciare alla vacanza se non è in linea con le aspettative. È per questo che gli operatori del settore devono muoversi per accogliere il più possibile le richieste dei clienti.

In particolare, come riportato nel grafico sovrastante tratto da un sondaggio di Ecobnb su un campione di 15.000 viaggiatori, la possibilità di prenotare con modalità flessibile e cancellazione gratuita è la variabile più importante che determinerà gli spostamenti per l’estate 2021. Seguono la necessità di avere disinfettanti e sanificanti negli spazi comuni, nei bagni e il ricevere informazioni sulle pulizie e l’igienizzazione delle strutture ricettive.

Prenotazioni dirette Post Covid e perdite per le OTA, quale legame e quali conseguenze?

All’interno del Report “The rise of direct bookings over Otas” di d-edge, che esamina i Trend della distribuzione alberghiera nell’area EMEA e APAC e i cambiamenti avvenuti dal 2017 al 2020, emergono delle evidenze chiare e precise su cambiamenti già avvenuti e trends fortissimi a livello di prenotazioni.

  • Dal 2017 al 2020 le OTA hanno perso mediamente 10 punti percentuali di quota di mercato in Europa e nella regione Asia-Pacifico. Questa perdita nella quota di mercato delle OTA si spiega nel 2020, con il crollo di Expedia, che ha registrato una perdita di quota del 60%, a vantaggio delle prenotazioni dirette e del gruppo Booking.com.
  • Durante il periodo dell’emergenza il gruppo Booking.com è cresciuto fino a raggiungere una quota di mercato di oltre il 53% in tutta Europa grazie alla sua politica di cancellazioni gratuite.
  • Nel periodo compreso tra giugno e settembre 2020, l’area dell’Asia-Pacifico è passata al 45% di distribuzione diretta. La prenotazione diretta sui siti web delle strutture alberghiere è diventata il canale più importante della regione.
  • Dal 2020 le entrate dirette delle prenotazioni sui siti web restano il canale con il tasso di cancellazione più basso.
  • Le somiglianze dell’andamento relativo alle prenotazioni tra Europa e regione Asia-Pacifico indicano che tali tendenze non sono limitate agli hotel europei o a un piccolo segmento, ma interessano i canali di distribuzione a livello mondiale.

Prenotazioni dirette sul sito web con software per le prenotazioni integrato e possibilità di pagamento immediato

In un momento cruciale come questo, che precede le riaperture e gli arrivi imminenti. occorre dotare il proprio sito web di un software di prenotazione integrato, che permetta agli utenti di prenotare direttamente e di interagire con gli albergatori o i Tour Operator sulla stessa piattaforma. Un sistema di prenotazioni diretto ed integrato garantisce all’imprenditore un controllo a 360° gradi ed un risparmio rispetto alle prenotazioni sulle OTA.

Allo stesso tempo, il software per le prenotazioni integrato nel sito garantisce all’utente un filo diretto, sicurezza e flessibilità nelle prenotazioni

Nel momento in cui ci si espone sul mercato con pacchetti personalizzati, tour e attività outdoor, noleggio di barche per l’Estate 2021, proposte ed attività diverse per attirare l’utente e trasformarlo in cliente, occorre essere preparati perché la tecnologia è diventata necessaria nel settore del turismo dopo l’emergenza Covid.

Inoltre, è fondamentale – mentre sul sito si illustrano i servizi offerti e i punti di forza – che oltre al software integrato per le prenotazioni ci sia anche la possibilità di effettuare un pagamento immediato.

L’integrazione del sistema dei pagamenti è un tema cruciale della digitalizzazione perché occorre razionalizzare meglio i pagamenti per renderli più semplici da elaborare sia per l’ospite che per l’imprenditore mantenendo invariati gli standard di sicurezza. Il pagamento integrato nel software per le prenotazioni permette all’ospite di avere un checkout molto più semplice, come nel caso delle strutture ricettive, e agli operatori del settore di gestire in serenità i propri flussi di cassa.

Conclusioni

In una fase cruciale come quella delle riaperture e della ripartenza del settore le OTA mostrano tutta la loro fragilità e perdono quote di mercato fino al 60%. È quindi fondamentale per gli operatori del settore turistico dotarsi nel minor tempo possibile di un software integrato per le prenotazioni all in one come Regiondo, percepite in questo momento dai turisti come fondamentali perché dirette, sicure e flessibili.