Tour operator – perchè la ripartenza potrebbe essere più veloce del previsto?

Dopo lo stop del 2020 per gli operatori del settore turismo, si parla di scenari diversi per il 2021. Emergono nuovi trends e, grazie alla campagne di vaccinazione, si pensa ad una ripresa rispetto all’anno precedente. Molte sono le opportunità, diversi i trends che si cominciano a delineare. Ma come e in che modo ripartirà il settore?

Per quanto riguarda gli operatori del settore delle attività e dei Tour Operator, si parla di una ripresa più veloce perché saranno degli intermediari necessari e fondamentali per la ripresa del turismo.

Tour Operator si pongono come garanti della tutela della salute

Che si tratti di un viaggio organizzato o di una visita guidata, i turisti avranno sempre più bisogno di garanzie. Che si tratti di pacchetti assicurativi o di rispetto delle norme vigenti in materia di sicurezza della salute, il Tour Operator diviene garante di tutti questi aspetti. Il Tour Operator garantisce al cliente il rispetto delle norme di cui un singolo non può accertarsi prima al 100%.

Tour Operator diventano intermediari a 360°

Garantire salute e sicurezza in tutti gli aspetti organizzativi e pratici di un viaggio significa porsi da intermediario e consulente per tutta l’organizzazione del viaggio. Garantire sicurezza, coperture, attività nel rispetto delle norme significa oggi supportare chi si appresta ad organizzare un viaggio fin dalle prime fasi. È per questo che i Tour Operator devono organizzarsi con sistemi di prenotazioni integrati e prevedere tutte le possibili richieste da parte dei propri clienti. Arrivare preparati al momento in cui ripartiranno le prenotazioni e garantire consulenza lungo tutta la filiera è il passo da compiere oggi per stare al passo con i tempi domani. Il Tour Operator garantisce al cliente la certezza dell’organizzazione dalla prima pianificazione fino al rientro a casa.

Tour Operator garantiscono continuità nel caso di slittamenti dovuti a restrizioni ed emergenze

Prenotare oggi per un viaggio che sarà fatto in un futuro prossimo grazie al supporto di un Tour Operator significa anche garantirsi prima la possibilità di annullare, modificare o spostare il viaggio se dovesse essere impossibile farlo per cause di forza maggiore.

Dopo il primo lockdown, con rimborsi impossibili e milioni di viaggi annullati, chi si appresta a prenotare vuole garanzie. Emerge così la necessità di affidarsi ad un TO più che ricorrere al fai-da-te. I Tour Operator che sapranno innovare, informare i propri clienti, riusciranno a ripartire prima ancora che si riparta effettivamente.

Ripartenza per Tour Operator e operatori del settore turismo nel 2021, il caso IHG

I viaggiatori vogliono tornare a viaggiare. Metà dei viaggiatori ha ri-prenotato o ha intenzione di prenotare l’ultimo viaggio non fatto, ha intenzione di visitare le mete di cui sognava prima del Covid. E, dopo un anno di restrizioni, ha più che mai voglia di farlo!

Secondo un’indagine condotta da IHG Hotels & Resorts su un campione di 6000 persone, 6 su 10 hanno perso tra 1 e 4 viaggi nel 2020. Inoltre, 1 su 5 si dichiara intenzionato a colmare la mancanza di viaggi del 2020 con più di un viaggio nel 2021.

Il 34% degli intervistati, incluso un 50% di persone over 55, ha dichiarato che ha intenzione di tornare a viaggiare, ma non lo farà finché la campagna di vaccinazione non sarà in stato avanzato in tutti i Paesi. Allo stesso tempo, il 40% degli intervistati ha dichiarato di avere bisogno di un viaggio al quale pensare.

Secondo Claire Bennet, Chief Customer Officer del gruppo Hotel & Resorts IHG che ha commissionato lo studio:

“Il mondo è cambiato e le decisioni sui viaggi devono essere affrontate riflettendo più a fondo. Guardando al futuro, tutti sappiamo cosa i viaggi significano per noi e tutti abbiamo avuto un sacco di tempo per pensare ai viaggi, a quali viaggi sono più importanti e quanto vogliamo riunirci con le persone care”.

È per questo, conclude, che a catena è pronta a riaccogliere viaggiatori, turisti, famiglie e business man non appena comincerà la nuova era dei viaggi.

Il caso della catena IHG è esemplificativo per i TO: solo chi starà al passo con i cambiamenti in corso, chi saprà prevedere i comportamenti degli utenti, chi saprà andare incontro alle nuove necessità, chi saprà guardare alle opportunità dei nuovi trend emergenti per il 2021, sarà pronto a supportare ed accogliere i viaggiatori al momento opportuno.

Conclusioni

Il 2021 sarà un anno di passaggio e cambiamento per gli operatori del settore del Turismo. Per i Tour Operator e per chi si occupa di attività, la ripresa potrebbe essere più veloce. Occorre stare al passo con i tempi, cavalcare i cambiamenti, dotarsi di sistemi integrati tecnologici per le prenotazioni e trasformarsi in consulenti. Solo così si potrà cavalcare l’onda al momento delle riaperture.